domenica 2 giugno 2019

CARAPAZ, LE MANI SUL GIRO! BILBAO RADDOPPIA

CARAPAZ, LE MANI SUL GIRO! BILBAO RADDOPPIA.
Carapaz mantiene il vantaggio di 1'54" su Nibali prima della Cronometro Individuale finale, l'atleta dell'Astana conquista la sua seconda tappa al Giro dopo quella dell'Aquila.


Croce d'Aune - Monte Avena, 1 giugno 2019 – Lo spagnolo Pello Bilbao ha conquistato la sua seconda vittoria di tappa al 102esimo Giro d'Italia davanti al connazionale Mikel Landa e alla Maglia Azzurra Giulio Ciccone in cima alla salita di Croce d'Aune - Monte Avena nell'ultima tappa di montagna della Corsa Rosa. Era uno dei membri della fuga di giornata che era stata neutralizzata dal gruppo dei favoriti a 4 km dalla fine. Il suo compagno di squadra Miguel Angel Lopez non è però rimasto con i migliori dopo essere stato coinvolto in un incidente con uno spettatore. Richard Carapaz ha mantenuto lo stesso vantaggio di 1'54" sul secondo in Classifica Generale, Vincenzo Nibali. Il terzo in classifica prima della tappa, Primoz Roglic è sceso al quarto posto e ha ricevuto una penalità di 10'' per essere stato spinto da uno spettatore. Landa, ora terzo, ha 23" di vantaggio sullo sloveno in vista della Cronometro Individuale finale di 17 km a Verona domani.

LE PILLOLE STATISTICHE
  • Mai un deficit di 1'54" è stato recuperato in una prova a cronometro nell'ultimo giorno.
  • In tre occasioni su diciotto, la Maglia Rosa è cambiata nella cronometro di chiusura del Giro: nel 1984, da Laurent Fignon a Francesco Moser (nell'Arena di Verona come domani); nel 2012, da Joaquim Rodriguez a Ryder Hesjedal (a Milano); nel 2017, da Nairo Quintana a Tom Dumoulin (a Milano).
  • Seconda vittoria di tappa al Giro di Pello Bilbao dopo la tappa 7 a L'Aquila quest'anno. È anche la seconda vittoria di tappa per uno spagnolo in quest'edizione della Corsa Rosa.
  • È la 112esima vittoria di tappa per la Spagna nella storia del Giro. Prima di Bilbao, l'ultimo vincitore spagnolo era stato Mikel Nieve nella tappa 20 a Cervinia l'anno scorso.

DOWNLOAD
DATI MONITORATI OGGI
I dati forniti da Velon raccontano la tappa attraverso dati dispositivi per il monitoraggio in tempo reale. I dati sono disponibili a questo link.

RISULTATO FINALE
1 - Pello Bilbao (Astana Pro Team) - 194 km in 5h46’02”, media 33,638 km/h
2 - Mikel Landa (Movistar Team) s.t.
3 - Giulio Ciccone (Trek - Segafredo) a 2"
MAGLIE
  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Richard Carapaz (Movistar Team)
  • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo - Pascal Ackermann (Bora - Hansgrohe)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Giulio Ciccone (Trek - Segafredo)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team)
CLASSIFICA GENERALE
1 - Richard Carapaz (Movistar Team)
2 - Vincenzo Nibali (Bahrain - Merida) a 1'54"
3 - Mikel Landa (Movistar Team) a 2'53"
4 - Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma) a 3'16"
5 - Bauke Mollema (Trek - Segafredo) a 5'51"
Fausto Masnada (Androni Giocattoli - Sidermec) riceve dal Direttore del Giro d'Italia, Mauro Vegni, la targa per essere passato primo sulla Cima Coppi del Giro 102
CONFERENZA STAMPA
Il vincitore di tappa Pello Bilbao ha dichiarato: “Ero in fuga pronto per aiutare Miguel Angel Lopez in un secondo momento. Volevamo salisse sul podio finale. A 50 km dalla fine, ho iniziato a pensare alla vittoria di tappa perché sarebbe stato difficile per il gruppo raggiungerci. Nel finale pensavo di essere più veloce degli scalatori e sapevo che Carapaz avrebbe lavorato per Mikel Landa per fargli vincere la tappa. Quando si presenta una opportunità bisogna coglierla”.

La Maglia Rosa Richard Carapaz ha dichiarato: “Credo che domani 1'54" su Nibali possa bastare. Sono molto contento del lavoro di squadra di oggi. L'abbraccio di Nibali al traguardo è stato un gesto molto bello. L'ho visto molto forte oggi ma anche Mikel [Landa] ed io non eravamo da meno. So che il mio compagno è in grado di salire sul podio finale, ecco perché abbiamo attaccato Roglic. L'altro obiettivo che avremmo potuto centrare era la vittoria di tappa con Mikel. Ci siamo andati vicini. Peccato”.

LA TAPPA DI DOMANI
Tappa 21 – Verona-Verona ITT 17,0 km - dislivello 250 m
Frazione a cronometro sul Circuito delle Torricelle (dei Mondiali) percorso in senso antiorario. Prima parte per vialoni rettilinei e molto larghi. Poi 4,5 km di salita al 5% con alcuni “scalini” e con carreggiata più stretta della prima parte. Quindi GPM e cronometraggio intermedio in vetta alla salita. Seguono 4 km di discesa su strade come quelle della salita. Ultimi 3 km lungo le vie cittadine con alcune curve ad angolo retto. Arrivo in Piazza Bra e nell’Arena di Verona.

Ultimi km
Ultimi chilometri per viali cittadini larghi e rettilinei. Cronometraggio finale in Piazza Bra prima dell’ingresso in Arena. Rettilineo di arrivo di 150 m, largo 6,5 m fondo in asfalto.
Pello Bilbao vince il Premio Torriani
COPERTURA TV
I palinsesti della Tappa 21 del Giro d'Italia sono disponibili a questo link.
    #Giro

    PELLO BILBAO HA VINTO LA TAPPA 20 DEL GIRO D’ITALIA

    PELLO BILBAO HA VINTO LA TAPPA 20 DEL GIRO D’ITALIA
    CARAPAZ RIMANE IN MAGLIA ROSA
    Il corridore spagnolo ha vinto davanti a Landa e Ciccone. Carapaz resta il leader della Classifica Generale.

    Croce d'Aune - Monte Avena, 1 giugno 2019 – Il corridore spagnolo Pello Bilbao (Astana Pro Team) ha vinto la ventesima tappa del centoduesimo Giro d'Italia, da Feltre a Croce d'Aune - Monte Avena di 194 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Mikel Landa (Movistar Team) e Giulio Ciccone (Trek - Segafredo).

    Richard Carapaz (Movistar Team) rimane la Maglia Rosa di leader della classifica generale.
    RISULTATO FINALE
    1 - Pello Bilbao (Astana Pro Team) - 194 km in 5h46’02”, media 33,638 km/h
    2 - Mikel Landa (Movistar Team) s.t.
    3 - Giulio Ciccone (Trek - Segafredo) a 2"
    MAGLIE
    • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Richard Carapaz (Movistar Team)
    • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo - Pascal Ackermann (Bora - Hansgrohe)
    • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Giulio Ciccone (Trek - Segafredo)
    • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team)
    CLASSIFICA GENERALE
    1 - Richard Carapaz (Movistar Team)
    2 - Vincenzo Nibali (Bahrain - Merida) a 1'54"
    3 - Mikel Landa (Movistar Team) a 2'53"
    4 - Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma) a 3'16"
    5 - Bauke Mollema (Trek - Segafredo) a 5'51"
    Il vincitore di tappa Pello Bilbao, subito dopo l'arrivo, ha dichiarato: "Sapevo che Carapaz avrebbe cercato di dare la vittoria a Mikel Landa, quindi ho preso la ruota migliore. La mia prima vittoria è stata speciale. Questa seconda vittoria è anche migliore della prima perché è una grande tappa di montagna. Quando i contendenti per la Generale ci hanno preso ho pensato che sarebbe stato difficile ma anche loro erano stanchi".

    La Maglia Rosa Richard Carapaz ha dichiarato: "Abbiamo provato a vincere la tappa con Mikel Landa ed io ho lavorato per tenere la Maglia Rosa. Per ottenere tutto ci è mancato pochissimo. Siamo comunque contenti di come è andata oggi. Credo che 1'54" su Nibali sia sufficiente, anche se tutto può accadere in una crono finale".

    Seguiranno le dichiarazioni della conferenza stampa e altri materiali.
      #Giro

      sabato 1 giugno 2019

      BUONGIORNO DALLA TAPPA 20 DEL GIRO D’ITALIA

      BUONGIORNO DALLA TAPPA 20 DEL GIRO D’ITALIA
      Le grandi montagne attendono il gruppo alla prova della verità. Il Passo Manghen sarà la Cima Coppi.

      Feltre, 1 giugno 2019 – Buongiorno dalla ventesima tappa del centoduesimo Giro d'Italia, in programma dall'11 maggio al 2 giugno e organizzato da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport, la Feltre-Croce d'Aune - Monte Avena di 194 km. L'ultima tappa in linea della Corsa Rosa è lunga, ricca di montagne e si preannuncia molto combattuta.
      La corsa ha passato il km 0 alle ore 11:30 con il gruppo forte di 143 corridori.

      Nella tappa di oggi, la lista dei corridori dotati del dispositivo per il monitoraggio dati in tempo reale di Velon può essere scaricata da questo link.

      METEO
      Feltre (11:00 - Partenza): sole, 22°C. Vento: debole NNW – 6 km/h.
      Feltre-Croce d'Aune - Monte Avena (17:15 - Arrivo): poco nuvoloso, 21°C. Vento: debole NNE – 10 km/h.
      DOWNLOAD
      PUNTI E ABBUONI IN PALIO
      Durante la tappa ci saranno 13 secondi di abbuono massimo in palio per la classifica generale, 3 al traguardo volante e 10 sul traguardo finale per il primo classificato. Vi sono inoltre 35 punti in palio per la classifica della Maglia Ciclamino (classifica a punti - 50 punti rimasti) e 144 punti per la Maglia Azzurra di miglior scalatore (147 punti rimasti).
      MAGLIE
      • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Richard Carapaz (Movistar Team)
      • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo - Pascal Ackermann (Bora - Hansgrohe)
      • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Giulio Ciccone (Trek - Segafredo)
      • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team)
      CLASSIFICA GENERALE
      1 - Richard Carapaz (Movistar Team)
      2 - Vincenzo Nibali (Bahrain - Merida) a 1'54"
      3 - Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma) a 2'16"
      4 - Mikel Landa (Movistar Team) a 3'03"
      5 - Bauke Mollema (Trek - Segafredo) a 5'07"

      PERCORSO
      Tappa 20 – Feltre-Croce d'Aune - Monte Avena 194 km - dislivello 5.500 m

      Tappone dolomitico con cinque salite lunghe concatenate da brevi tratti più o meno pianeggianti. Partenza da Feltre e breve tratto di avvicinamento alle montagne che cominciano a Arsiè con la salita di Cima Campo di 18 km che con la sua discesa porta a Castel Tesino e Scurelle. Da quest’ultima inizia la salita al Passo Manghen che tra falsopiano iniziale e salita vera e propria conta 24 km e quasi 2.000 m di dislivello.

      La picchiata seguente porta a Molina di Fiemme e quindi attraverso Cavalese, Tesero e Predazzo al Passo Rolle. Si tratta della salita meno dura lunga comunque oltre 20 km che precede l’ascesa finale di Croce d’Aune - Monte Avena. L’ultimo tratto, composto da una concatenazione di due salite successive è lungo quasi 20 km. Per prima la salita del Croce d’Aune che negli ultimi 6 km presenta quasi costantemente pendenze sopra il 10% con tratti fino al 16%. Dopo il Croce d’Aune breve discesa e ultimi 7 km ancora in netta salita.

      Ultimi km
      Ultimi 7 km tutti in ascesa con pendenza media del 7,4% e massime attorno al 10%. La strada sale per lunghi tornanti fino ai 150 m dall’arrivo dove si svolta nettamente a sinistra e si entra nel rettilineo di arrivo finale largo 5 m pianeggiante su asfalto.

      COPERTURA TV
      I palinsesti della Tappa 20 del Giro d'Italia sono disponibili a questo link.
      #Giro

      SpeziaTV intervista Alessia

      SpeziaTV intervista Alessia 




      “Alessia Non” è il primo singolo estratto dall’omonimo EP di Alessia Di Renna, in arte semplicemente Alessia, in uscita il 31 maggio per Ondesonore Records con la produzione di Snapbeat Production.􏰀Si tratta di un breve ma prezioso lavoro
      discografico, che mette in luce tutto il talento e il mondo della cantante, che si muove tra il genere pop e la canzone d’autore italiana, regalandoci suggestioni rock che graffiano e accarezzano nel medesimo istante.
      Questa è l’ennesima sfida per Alessia, che rompe la crisalide protettiva ma limitante della gavetta, per ambire ad una più elevata espressione di sé, provando a scoprire la sua parte più vera che è anche quella più fragile ma certamente la più convincente.
      Per questo suo primo lavoro da solista, ha chiesto ad Angelo Loia di “cucirle” su misura, dei brani che potessero rappresentarla e Alessia li fa suoi, raccontandosi e proponendosi al pubblico come nuova alternativa pop nel panorama nazionale della musica leggera.
      Il Fil Rouge che attraversa “Alessia Non” è il viaggio, in tutti i suoi molteplici significati: dal viaggio fisico a quello introspettivo, dal viaggio sentimentale a quello rivolto alla propria dimensione artistica.

      Viviamo così la suggestione della partenza dalla propria terra e dai propri cari, con “La Mia Valigia”, per scorgere poi il suo aspetto ironico, ma anche un po’ amaro rispetto a coloro che hanno teso a demotivare la sua passione ed i suoi sogni.􏰀Per poi ritrovarla nell’intimità della sua anima ferita con “Parole al Vento” e rinascere con un nuovo brivido d’amore e passione nella toccante ballata “Il Respiro Della Notte”.

      A chiudere “È Non è”, il brano particolarmente complesso di Niccolò Fabi riproposto da Alessia con eleganza interpretativa. Un pezzo intimista che racconta il contrasto tra il superfluo e il necessario nella dimensione personale e artistica di Fabi: considerazioni queste, condivise in perfetta consonanza con il “sentire” di Alessia.
      “Alessia Non” è il biglietto da visita con cui questa giovane artista vuole presentarsi al pubblico, con onesta, grinta e dolcezza, invitandolo a lasciarsi avvolgere dalla sua voce e a perdersi nel mistero del suo sguardo intenso, ma mai invadente né arrogante.

      Profili Social 


      per altre info o delucidazioni può contattare la produzione Snap Beat Production (Leonardo Amato) +39 388 3908062.

      venerdì 31 maggio 2019

      IL RITORNO DI CHAVES

      IL RITORNO DI CHAVES
      Partito in fuga, Chaves batte i compagni di giornata sulle rampe di San Martino di Castrozza. Superman Lopez partecipa alla festa colombiana con un attacco in solitaria dal gruppo dei migliori, ma l'ecuadoriano Richard Carapaz difende saldamente la Maglia Rosa.


      San Martino di Castrozza, 31 maggio 2019 – Il colombiano Esteban Chaves (Mitchelton - Scott) ha vinto la sua terza tappa al Giro d'Italia, prima vittoria da quando gli era stata diagnosticata la mononucleosi dopo la Corsa Rosa dello scorso anno. Lo ha fatto in grande stile battendo dopo una serie di attacchi i compagni di fuga di giornata sull'ascesa verso San Martino di Castrozza. Nonostante uno sfortunato incidente meccanico in un momento cruciale, il corridore locale Andrea Vendrame (Androni Giocattoli - Sidermec) è arrivato secondo ed il portoghese Amaro Antunes (Team CCC) si è classificato terzo. Un altro colombiano ha animato il finale quando "Superman" Lopez (Astana Pro Team) ha attaccato il gruppo dei favoriti in Generale guadagnando 44 secondi. Il leader della corsa Richard Carapaz (Movistar Team) ha risposto con serenità a un'accelerazione di Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma) in attesa dell'ultima durissima tappa di montagna con l'arrivo a Croce d'Aune-Monte Avena.

      LE PILLOLE STATISTICHE
      • Terza tappa per Esteban Chaves dopo la Tappa 14 a Corvara nel 2016 e la sesta tappa sull'Etna nel 2018. È l'unico colombiano ad aver vinto tappe in tre diversi Giro d'Italia.
      • 80esima vittoria in un grande giro per i colombiani (29 al Giro, 19 al Tour, 32 alla Vuelta). Il primo è stato Martin Emilio "Cochise" Rodriguez nella 15esima tappa del Giro a Forte dei Marmi (sul mare, non in montagna).
      • Sesta Maglia Rosa per Richard Carapaz in questo Giro, così come Valerio Conti (Primoz Roglic ne aveva indossate cinque e Jan Polanc due).

      DOWNLOAD
      DATI MONITORATI OGGI
      I dati forniti da Velon raccontano la tappa attraverso dati dispositivi per il monitoraggio in tempo reale. I dati sono disponibili a questo link.

      RISULTATO FINALE
      1 - Esteban Chaves (Mitchelton - Scott) - 151 km in 4h01’31”, media 37,512 km/h
      2 - Andrea Vendrame (Androni Giocattoli - Sidermec) a 10"
      3 - Amaro Antunes (CCC Team) a 12"
      MAGLIE
      • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Richard Carapaz (Movistar Team)
      • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo - Pascal Ackermann (Bora - Hansgrohe)
      • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Giulio Ciccone (Trek - Segafredo)
      • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team)
      CLASSIFICA GENERALE
      1 - Richard Carapaz (Movistar Team)
      2 - Vincenzo Nibali (Bahrain - Merida) a 1'54"
      3 - Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma) a 2'16"
      4 - Mikel Landa (Movistar Team) a 3'03"
      5 - Bauke Mollema (Trek - Segafredo) a 5'07"
      CONFERENZA STAMPA
      Il vincitore di tappa Esteban Chaves ha dichiarato: “Da quando sono arrivato secondo al Giro 2016, non ho avuto solo problemi fisici... Molte altre cose sono successe nella mia vita. La cosa più importante è che non ho mai mollato. Oggi è un sollievo. L'ultima salita è un riassunto dei miei anni difficili e un riassunto della vita: ho attaccato molte volte e ho creduto in me stesso per arrivare vincitore al traguardo”.

      La Maglia Rosa Richard Carapaz ha dichiarato: “Penserò a Verona il giorno in cui saremo a Verona. L'attacco di oggi di Miguel Angel Lopez era previsto, ma Mikel Landa è ora totalmente al mio servizio. Me l'ha detto di persona. Non sono stressato nel difendere la Maglia Rosa. Sono fiducioso anche perché sento il grande affetto di tutto il mio paese”.

      LA TAPPA DI DOMANI
      Tappa 20 – Feltre-Croce d'Aune - Monte Avena 194 km - dislivello 5.500 m
      Tappone dolomitico con cinque salite lunghe concatenate da brevi tratti più o meno pianeggianti. Partenza da Feltre e breve tratto di avvicinamento alle montagne che cominciano a Arsiè con la salita di Cima Campo di 18 km che con la sua discesa porta a Castel Tesino e Scurelle. Da quest’ultima inizia la salita al Passo Manghen che tra falsopiano iniziale e salita vera e propria conta 24 km e quasi 2.000 m di dislivello.

      La picchiata seguente porta a Molina di Fiemme e quindi attraverso Cavalese, Tesero e Predazzo al Passo Rolle. Si tratta della salita meno dura lunga comunque oltre 20 km che precede l’ascesa finale di Croce d’Aune - Monte Avena. L’ultimo tratto, composto da una concatenazione di due salite successive è lungo quasi 20 km. Per prima la salita del Croce d’Aune che negli ultimi 6 km presenta quasi costantemente pendenze sopra il 10% con tratti fino al 16%. Dopo il Croce d’Aune breve discesa e ultimi 7 km ancora in netta salita.

      Ultimi km
      Ultimi 7 km tutti in ascesa con pendenza media del 7,4% e massime attorno al 10%. La strada sale per lunghi tornanti fino ai 150 m dall’arrivo dove si svolta nettamente a sinistra e si entra nel rettilineo di arrivo finale largo 5 m pianeggiante su asfalto.

      COPERTURA TV
      I palinsesti della Tappa 20 del Giro d'Italia sono disponibili a questo link.
        #Giro

        CHAVES HA VINTO LA TAPPA 19 DEL GIRO D’ITALIA

        CHAVES HA VINTO LA TAPPA 19 DEL GIRO D’ITALIA
        CARAPAZ ANCORA IN MAGLIA ROSA
        Il corridore colombiano Esteban Chaves (Mitchelton - Scott) ha vinto davanti ai compagni di fuga Andrea Vendrame (Androni Giocattoli - Sidermec) e Amaro Antunes (CCC Team). Carapaz resta il leader della Classifica Generale.

        San Martino di Castrozza, 31 maggio 2019 – Il colombiano Esteban Chaves (Mitchelton - Scott) ha vinto la diciannovesima tappa del centoduesimo Giro d'Italia, da Treviso a San Martino di Castrozza di 151 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Andrea Vendrame (Androni Giocattoli - Sidermec) e Amaro Antunes (CCC Team).

        Richard Carapaz (Movistar Team) rimane la Maglia Rosa di leader della classifica generale.

        RISULTATO FINALE
        1 - Esteban Chaves (Mitchelton - Scott) - 151 km in 4h01’31”, media 37,512 km/h
        2 - Andrea Vendrame (Androni Giocattoli - Sidermec) a 10"
        3 - Amaro Antunes (CCC Team) a 12"
        MAGLIE
        • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Richard Carapaz (Movistar Team)
        • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo - Pascal Ackermann (Bora - Hansgrohe)
        • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Giulio Ciccone (Trek - Segafredo)
        • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team)
        CLASSIFICA GENERALE
        1 - Richard Carapaz (Movistar Team)
        2 - Vincenzo Nibali (Bahrain - Merida) a 1'54"
        3 - Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma) a 2'16"
        4 - Mikel Landa (Movistar Team) a 3'03"
        5 - Bauke Mollema (Trek - Segafredo) a 5'07"
        Il vincitore di tappa Esteban Chaves, subito dopo l'arrivo, ha dichiarato: "Questa è felicità purissima. Mi sono tolto un peso enorme. È un sollievo essere di nuovo vincitore, dimostra che so ancora farlo. L'ultima salita non era molto ripida, ho dovuto attaccare più volte. Un grande ringraziamento a tutti coloro che mi hanno supportato quando ho vissuto momenti difficili".

        La Maglia Rosa Richard Carapaz ha dichiarato: "Mi aspettavo che Miguel Angel Lopez attaccasse, ma l'abbiamo gestita nel miglior modo possibile con Mikel Landa. È un'altra buona giornata per noi e non vediamo l'ora che arrivi domani. Siamo pronti a difendere la Maglia Rosa in una tappa più difficile di quella odierna".

        Seguiranno le dichiarazioni della conferenza stampa e altri materiali.
          #Giro

          BUONGIORNO DALLA TAPPA 19 DEL GIRO D’ITALIA

          BUONGIORNO DALLA TAPPA 19 DEL GIRO D’ITALIA
          Penultimo arrivo in salita della Corsa Rosa che entra nella fase decisiva
          La Maglia Rosa Richard Carapaz con tifosi ecuadoriani festanti
          Treviso, 31 maggio 2019 – Buongiorno dalla diciannovesima tappa del centoduesimo Giro d'Italia, in programma dall'11 maggio al 2 giugno e organizzato da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport, la Treviso-San Martino di Castrozza di 151 km. Il penultimo arrivo in salita della Corsa Rosa annuncia la battaglia decisiva per la Classifica Generale.
          La corsa ha passato il km 0 alle ore 13:10 con il gruppo forte di 143 corridori.

          Nella tappa di oggi, la lista dei corridori dotati del dispositivo per il monitoraggio dati in tempo reale di Velon può essere scaricata da questo link.

          METEO
          Treviso (13:00 - Partenza): sole, 22°C. Vento: debole NE – 5 km/h.
          San Martino di Castrozza (17:15 - Arrivo): nubi sparse, 13°C. Vento: debole SO – 6 km/h.
          DOWNLOAD
          Vincenzo Nibali riceve la maglia della Nazionale Italiana di Pallacanestro femminile dalla capitana Giorgia Sottana e dall'allenatore Marco Crespi
          PUNTI E ABBUONI IN PALIO
          Durante la tappa ci saranno 13 secondi di abbuono massimo in palio per la classifica generale, 3 al traguardo volante e 10 sul traguardo finale per il primo classificato. Vi sono inoltre 35 punti in palio per la classifica della Maglia Ciclamino (classifica a punti - 85 punti rimasti) e 30 punti per la Maglia Azzurra di miglior scalatore (177 punti rimasti).

          MAGLIE

          • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Richard Carapaz (Movistar Team)
          • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo - Pascal Ackermann (Bora - Hansgrohe)
          • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Giulio Ciccone (Trek - Segafredo)
          • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team)
          CLASSIFICA GENERALE
          1 - Richard Carapaz (Movistar Team)
          2 - Vincenzo Nibali (Bahrain - Merida) a 1'54"
          3 - Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma) a 2'16"
          4 - Mikel Landa (Movistar Team) a 3'03"
          5 - Bauke Mollema (Trek - Segafredo) a 5'07"

          PERCORSO
          Tappa 19 – Treviso-San Martino di Castrozza 151 km - dislivello 2.850 m

          Tappa corta di montagna con diverse ondulazioni nella prima parte fino al GPM del Passo di San Boldo, salita breve con chilometri finali ripidi con la caratteristica di superare gli ultimi cinque tornanti in galleria. Discesa e tratto pianeggiante fino a Feltre. Si scala quindi il breve GPM di Lamon prima di risalire la Val Cismon (serie di gallerie) fino a Fiera di Primiero dove inizia la salita finale.

          Ultimi km
          Dopo la biforcazione Passo Rolle-Passo Cereda si supera l’abitato di Siror dove, con due tornanti, inizia la salita effettiva. La strada, larga con fondo buono risale verso San Martino di Castrozza con una lunga serie di piccole curve che seguono il fianco della montagna intervallate in due occasioni da coppie di tornanti. La pendenza è sempre costante attorno al 5% con brevissimi tratti attorno al 10% attorno a metà salita. L’ultimo km si snoda nell’abitato di San Martino di Castrozza per spianare a 100 m dall’arrivo. Retta d’arrivo di 200 m, larghezza 5 m su asfalto.


          Da sinistra: Il Capo della Polizia Franco Gabrielli, il Direttore del Giro d'Italia Mauro Vegni ed il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia 
          COPERTURA TV
          I palinsesti della Tappa 19 del Giro d'Italia sono disponibili a questo link.
          #Giro

          Inizia a Castè La stagione dell’arte

          Inizia a Castè La stagione dell’arte


          Domenica 2 giugno alle 18, alla Locanda del Podestà di Castè, frazione di Riccò del Golfo di Spezia, si terrà il brindisi di inaugurazione dell’esposizione “Arte per Castè”, una collettiva che raccoglie alcune opere di artisti che da anni collaborano al progetto di trasformazione del borgo in galleria diffusa .
          Il brindisi sarà anche un’occasione per festeggiare l’inizio della stagione estiva e il recente successo elettorale del sindaco di Riccò del Golfo, Loris Figoli, che sarà presente all’evento . 
          Mauro Manco, Gianluca Ghinolfi, Simone Lucchesi, Alberto Rocca e Nicola Perucca, artisti già noti al pubblico spezzino, esporranno alcune loro opere alla Locanda del Podestà. Verrà inoltre aperta ai visitatori la piccola cappella privata del borgo che ospita una statua in marmo, regalata alla comunità di Castè dallo scultore giapponese Yoshin Ogata, le cui statue in marmo sono esposte in tutto il mondo .
          Castè, che sembrava destinato all’abbandono, è oggi una meta turistica frequentata da viaggiatori di tutti i paesi, grazie ad un progetto di riqualificazione e promozione, basato sul rispetto dell’ambiente e sull’arte. Molti gli artisti che hanno esposto in questo piccolo villaggio ai margini del parco delle Cinque Terre, alcuni, come i protagonisti di questa mostra , contribuiscono ormai da anni al progetto di trasformare il borgo in galleria diffusa, esponendo permanentemente le loro opere.  In questo contesto  l’ex scuola elementare, trasformata in piccolo albergo con locanda diventa , assolvendo così alla sua funzione più sociale , spazio espositivo coperto e luogo di ritrovo della piccola comunità e  dell’associazione per la tutela del borgo:  “CastèVive!”. La locanda del Podestà è un esempio di collaborazione tra pubblico e privato,  essendo una struttura pubblica data dal Comune in concessione a privati. 
          L’esposizione, che si articolerà tra i due piani dell’accogliente sala di ristoro, segna l’inizio di una serie di eventi che proseguiranno fino ad ottobre, per conoscere gli orari di apertura o prenotare la visita o la cena, chiamare il numero:  3332253317.
          Il brindisi sarà anche un’occasione per presentare il calendario della Rassegna Estiva d’Arte e Spettacolo  “CastèLive 2019 “, l’ingresso è gratuito.